La transcreation pubblicitaria: dove traduzione e copywriting si incontrano

La transcreation pubblicitaria: dove traduzione e copywriting si incontrano
15 Ottobre 2019 Claudia

Come esperta di transcreazione, ritengo che la transcreation pubblicitaria sia un mix di traduzione e copywriting. Serve un traduttore per cogliere appieno il senso del copy originale con tutte le sue implicazioni culturali, ma serve anche un copywriter per scrivere un testo pubblicitario o promozionale che risulti memorabile, fedele al tono di voce del brand ed efficace per il pubblico di destinazione.
Metti insieme questi due profili professionali e avrai un vero specialista della transcreation.

In pratica, quando faccio transcreation, scrivo un copy in italiano partendo da un testo che mi viene fornito in inglese o in tedesco. Ho detto scrivo e non traduco perché spesso mi trovo a dover ricreare il copy se reputo che una resa fedele abbia poco senso in italiano o non sia il modo più azzeccato di trasmettere il messaggio originale. Sebbene questo servizio sia da molti chiamato semplicemente “traduzione di marketing”, “traduzione creativa” o “traduzione pubblicitaria”, trovo che queste definizioni siano riduttive, se non addirittura fuorvianti.

Nel 2018 mi è stato chiesto di intervenire sul tema della transcreation a un Translating Europe Workshop tenutosi a Roma. Organizzati dai rappresentanti della Direzione Generale Traduzione negli stati membri dell’UE, spesso in collaborazione con le università aderenti alla rete EMT (European Master’s in Translation), questi workshop fanno parte del progetto Translating Europe, creato per riunire i vari stakeholder della traduzione in Europa. Nel corso della mia presentazione ho mostrato alcuni esempi tratti dalla mia esperienza professionale per dimostrare che la transcreation è il punto di incontro fra traduzione e copywriting.
Nonostante le piccole difficoltà tecniche, spero di esserci riuscita!

Clicca sul video per guardare la mia presentazione (in inglese).

Le pubblicità Avon che ho mostrato nella mia presentazione ti sono piaciute? Scopri di più leggendo il case study.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*