Dan Brooks

Claudia ha fornito un servizio di interpretazione per l’intervista che ho realizzato a Milano per conto del New York Times. Ci sono brave interpreti e grandi interpreti, e Claudia è stata grande. Non ha tradotto solo il senso di cosa ha detto l’intervistato, ma anche le sfumature di come l’ha detto. Questo mi ha permesso di avere dei virgolettati pieni di personalità anziché mere informazioni. Se ti serve una traduzione di alto livello resa da un’interprete affabile e competente, Claudia è la scelta giusta.


Paolo Armelli

Ho visto Claudia lavorare a fianco di Sarah Michelle Gellar, in occasione di una fitta serie di interviste che l’attrice ha tenuto a Milano per promuovere la sua nuova serie. A colpirmi non è stata solo la precisione e l’eloquenza della sua traduzione, ma anche il rapporto spontaneo ed empatico che ha immediatamente instaurato con la grande attrice, dimostrando una sintonia e una complicità che hanno reso ancora più efficace l’interpretazione.


Ferruccio Gattuso

In più di 25 anni di lavoro come giornalista professionista per testate nazionali nel settore Spettacoli, davvero posso dire che Claudia è la migliore interprete incontrata. Affrontare una intervista o una round table con un personaggio internazionale usufruendo del suo contributo è garanzia di un lavoro ben fatto. Chiarezza, puntualità negli interventi, precisione nella traduzione, capacità di interazione umana, insomma una grande professionalità accompagnata da una gentilezza naturale. Come operatori del settore non si può chiedere di meglio.


Massimo Cotto

Diffido sempre degli interpreti per le interviste alle rockstar. Quando va bene, sanno l’inglese ma capiscono poco di musica e non si preparano sull’artista che devono tradurre. Quando va male, non sanno nemmeno l’italiano. All’incontro su Zoom con i Nothing But Thieves da lei tradotto e moderato, Claudia è stata impeccabile, una delle migliori che abbia incontrato nella mia professione. Spero che le nostre strade si incontrino sempre più spesso.


Barbara Visentin

Ho avuto modo di vedere Claudia all’opera durante una round table musicale via Zoom con Dave Grohl dei Foo Fighters: non solo è stata un’interprete perfetta, in grado di tradurre dall’inglese all’italiano e viceversa in maniera rapida e precisa, ma è riuscita anche a moderare l’incontro virtuale con professionalità ed empatia. Non è facile coordinare i tempi e le persone, specie quando non si è in presenza, ma l’incontro è andato benissimo. Era evidente che oltre a conoscere la lingua, Claudia conoscesse anche l’argomento di cui si parlava e fosse un’appassionata di musica. La sua presenza ha sicuramente reso l’intervista più semplice e ancora più memorabile.


Jessica Gaibotti

Ho avuto il piacere di lavorare con Claudia su un progetto importante e delicato. È stata precisa, puntuale, disponibile e ha saputo creare da subito un ottimo rapporto con l’artista che doveva tradurre, cosa molto importante e non scontata. Avremo sicuramente modo di lavorare ancora insieme in futuro. Il fatto che lei sia una appassionata di musica e sappia esattamente cosa sta facendo quando si trova tra artista e giornalista è fondamentale e fa la differenza, dato che un errore di traduzione può rischiare di creare problemi sul piano della comunicazione.


Paolo Giordano

Chi traduce i nostri dialoghi con gli artisti ha un compito fondamentale e complicato. Deve seguire il filo del discorso dei giornalisti (e non è così semplice). E non può perdersi una sola battuta dell'intervistato. Con Claudia ho partecipato a conferenze stampa con artisti popolarissimi e spesso logorroici, complicati, fumosi. Lei è sempre rimasta concentrata e precisa, trasformando discorsi talvolta slabbrati e inconcludenti in frasi di senso compiuto! Questo è il segreto dei grandi interpreti. Un grande privilegio poterla nuovamente incontrare in qualche altra round table (non sempre i suoi colleghi garantiscono la stessa precisione).


Enzo Gentile

C’erano dei bei tempi per la musica in Italia: molti artisti internazionali arrivavano da noi per presentare dischi, tour, iniziative, con una bella circolazione di persone, saperi, incontri, esperienze. Claudia è stata spesso e volentieri la (brava) interprete di quelle interviste, aiutando non poco cronisti e giornalisti specializzati. Mi piace ricordarlo oggi che queste occasioni si sono un po’ rarefatte per la crisi discografica. Grazie ancora, Claudia, per la tua opera di professionista efficace e appassionata.


Francesca Binfarè

Ho avuto occasione di lavorare con Claudia nel corso di diverse conferenze stampa con cantanti stranieri. Se sai tradurre ma non conosci il contesto e il mondo in cui si muove la persona di cui stai interpretando le parole, non serve a molto quello che dici. Claudia conosce sempre, in maniera puntuale, la persona che ha davanti. Nel nostro caso – parlando di musica – sa che genere propone il cantante in questione, conosce i titoli dei suoi dischi, ha presente le tappe della sua carriera. Allora sì che la traduzione funziona! È sempre stato (e sarà) un piacere lavorare con lei.


Mita Gironda

Claudia ha tradotto e interpretato il linguaggio e pensiero di Conchita Wurst in occasione della sua partecipazione promozionale (disco e libro) in Italia. Davvero un’ottima interprete.


Rob Eason

Claudia ha lavorato con noi durante una trasferta a Milano di alcune settimane, rivelandosi una risorsa preziosa all’interno del nostro team. La sua professionalità e la sua conoscenza del settore discografico sono più unici che rari, e Claudia è stata fondamentale per portare a termine il progetto rispettando il budget e i tempi previsti. La consiglio vivamente a chiunque abbia bisogno di servizi di traduzione e interpretazione per il settore musicale.


Carlo Mandelli

Claudia ha saputo tradurre alla perfezione le domande che i giornalisti hanno posto ad uno dei personaggi più rappresentativi della scena musicale inglese, così come le sue risposte, cogliendone anche le varie sfumature. Si è poi dimostrata disponibile e molto professionale anche dopo le interviste, per chiarire in separata sede punti che ai colleghi erano sfuggiti.